Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

31/03/12

Nemmeno l'ombra di un melodramma

ramo

Dorothy Gales saltò in groppa al Leone Codardo trasformato in pietra e chiese all'Uomo di Latta di scattare una foto. L'Uomo di Latta affermò che quel leone era proprio brutto. Non c'era nemmeno l'ombra di un melodramma e non avevo nulla da dire, se non ripetere a me stessa un paio di parole che suonavano banali. Mi si sgretola la narrazione in mano perchè non c'è fiaba senza antagonisti e non esiste storia in cui vada sempre tutto bene e siano tutti perennemente contenti. E' quasi irritante.

30/03/12

Omnia vanitas. Illusione ottica

C. Allen Gilbert, All is vanity
C. Allen Gilbert, All is vanity
vanità

vanità

vanità teschio corpi nudi
Salvador Dalì




Adad Hannah ha realizzato una video installazione molto affascinante mettendo in scena l'opera "Tutto è vanità" di Charles Allan Gilbert. Il disegno, realizzato intorno alla fine dell'ottocento, risulta una tra le più famose illusioni ottiche del mondo. Rappresenta una donna che si guarda allo specchio, ma la figura a prima vista sembra un teschio. Adad Hannah realizza un tableau vivant utilizzando una coppia di gemelle poste una di fronte all'altra, immobili. Le modelle si guardano attraverso uno specchio fittizio, ovvero una cornice di legno vuota.  Lo spettatore si accorge dello scorrere del tempo solo attraverso il respiro delle gemelle e i battiti delle palpebre.

29/03/12

Pubblicità ben riuscite

pubblicità elixir fragrance
Pubblicità Nina l'Elixir Fragrance
Una mamma vorrebbe una famiglia perfetta e amorevole e così la Mulino Bianco ti lascia intendere che le merendine sono parte di tale delizioso quadretto. Idem per la pasta Barilla. Trovo molto affascinante la pubblicità delle pastesfoglie già pronte, chi le prepara viene sempre ricoperta di complimenti nelle pubblicità, come a dire: non sentirti un'incapace se compri roba già pronta, sei fantastica, farai comunque un figurone. Il dado, poi, è un vero spunto di riflessione. Non ho mai capito per quale arcano motivo spesso la sua pubblicità si rivolge agli uomini fino a quando non mi sono accorta che in effetti ho visto solo uomini che lo comprano, sarà una coincidenza oppure gli uomini sono più attratti da questa pappetta liofilizzata supergustosa e le donne preferiscono giocare alle piccole cuoche mischiando erbette, spezie e varie minchiate? Mistero. Le pubblicità più deprimenti sono quelle della wind. Chi telefona? Tutti. Cosa vogliono tutti? Soldi. Ecco sventolare banconote a destra e a manca.

Mi piace osservare le pubblicità. Sono molto più interessanti dei programmi. Ho sempre pensato che siano lo specchio del mondo. Guarda una pubblicità e capirai cosa vorrebbe essere il pubblico a cui è rivolta.
Ci sono delle contraddizioni grottesche. Avete mai visto un uomo comprarsi dei calzini?

28/03/12

Leda e il cigno

E noi, l'una nell'altra
i colli reclini attorcigliammo
come due cigni solitari
Anne Sexton


Yan McLine, Leda e il cigno


Yan McLine, Leda e il cigno 

27/03/12

Materiale termocromatico e caccia al camaleonte

Il termocromatismo è quella proprietà che permette ad un oggetto di cambiare colore col variare della temperatura. Come gli anelli dell'umore, per intenderci. Con cosa li fanno gli anelli dell'umore? Macinano i camaleonti o usano gli starnuti d'unicorno? Da piccola pensavo che fosse una pietra magica. Invece si tratta di un banalissimo pezzo di plastica trasparente, sotto al quale viene applicata della carta colorata con i pigmenti termocromatici. Se vi interessa conoscere la struttura chimica potete dare un'occhiata quì, c'è un altro povero disperato come me che va a caccia di camaleonti.


termosensibile
Vernice termocromatica: L'asfalto diventa
rosa col freddo! Da questo articolo

termocromica
Inchiostro termoionico per carta da paratiche
cambia colore. Da questo articolo

Per curiosità ho provato a cercare dei coloranti termocromatici (o termosensibili? boh) ma i prezzi sono davvero proibitivi. L'opzione più conveniente che ho trovato è un sacchetto di pigmento termocromico in polvere che cambia dal rosa al celeste, ma costa qualcosa come cinquanta dollari al chilo e và importato dalla Cina. Invece in questo sito ci sono diversi pigmenti, peccato che l'ordine minimo sia di 50 kg. Ma dio beduino, il pacco peserebbe più di me! Bah, nella mia prossima vita, quando sarò ricca, lo userò per imbiancarci la casa. In questa vita direi che se lo possono tenere.

 Non riesco a capire com'è possibile che gli oggetti che cambiano colore te li tirano dietro a pochi euro se la vernice con i quali sono fatti costa a peso d'oro. Un pacchetto di cento anelli dell'umore costa circa tre euro all'ingrosso. Qualcosa non quadra.
Voglio il colorante termocromatico.
Lo voglio.
La caccia al camaleonte rimane aperta. Se ne avvistate qualcuno fatemi un fischio.

26/03/12

Gottfried Helnwein, sogni di bambina

Le figure delle opere di Gottfried Helnwein sono gigantesche, terribili. Dopo l'invenzione della fotografia l'arte figurativa ha perso interesse nei confronti della realtà immediatamente tangibile. Un dipinto realistico sembra un'esercizio di stile, è noioso da vedere e da realizzare e puoi ottenere lo stesso risultato con un semplice scatto. Nonostante tutto c'è qualcosa di magico in un'opera che imita alla perfezione la realtà, ci sorprende, continua a sorprenderci. L'iperrealismo generalmente non mi piace, mi annoia. Le opere di Gottfried Helnwein  invece le trovo incantevoli e conturbanti.




25/03/12

Lolita Tea Party

lolita tea partylolita tea party

Per le Lolita l'ora del tè è fondamentale. E' un'ottima occasione per chiacchierare con le amiche, mangiare dolci e sfoggiare i nuovi abiti color pastello ricchi di pizzi e merletti. Il tè diventa praticamente un dettaglio di una festosa esplosione di colori. Non sapete cosa sono le Lolita? Guardate il film Kamikaze Girls, vale più di mille parole. Se Nabokov sapesse tutto questo si rivolterebbe nella tomba.

24/03/12

Claustrofilia

Tutte le persone che incontrarono Franz Kafka nella giovinezza o nella maturità, ebbero l'impressione che lo circondasse una parete di vetro. Stava là, dietro al suo vetro trasparentissimo, camminava con grazia, gesticolava, parlava: sorrideva come un angelo meticoloso e leggero. Pietro Citati, Kafka

claustrofilia

colpevole

23/03/12

Giochi Kawaii online



Perchè i giochi asiatici sono sempre così terribilmente pucciosi? Mistero. Tipo questo di Pos&Neg che è veramente stupido ma bellissimo da vedere. Seguono una serie di giochi online in flash stupidi ma pucciosi.

22/03/12

Franz è il mio angelo custode


franz kafka

"Questa debolezza mi tiene lontano tanto dalla follia quanto da ogni ascesa. La coltivo perché mi trattenga dalla follia; per timore di questa sacrifico l'ascesa e perderò certamente quest'affare su un piano che non conosce affari. Se non vi si immischia la sonnolenza che col suo lavorio diurno-notturno abbatte tutto quanto è di ostacolo e sgombra la via: ma allora soltanto la follia mi accoglierà, poiché non ho voluto l'ascesa che si raggiunge soltanto quando la si vuole." Franz Kafka, Diari


franz kafka diari


franz kafka diari
A volte mi domando se la debolezza sia in realtà forza e la forza debolezza, che differenza c'è esattamente tra un forte e un debole e cosa li separa, e perchè sia così facile passare da vincente a perdente e non il contrario. Mi domando anche se sono più fortunati i forti o i deboli e mi chiedo se essere vincenti corrisponda ad esser forti e viceversa. Sarà deplorevole amare la compagnia di uno che si impone di coltivare le proprie debolezze, di qualcuno che dà voce ai propri spettri, sarà autodistruttivo condurre la propria esistenza senza mai lasciare la mano di Kafka, ma così è.

21/03/12

Tè verde vs tè bianco. Vince il bianco

the bianco
Si dice che il tè verde sia un vero e proprio elisir di giovinezza, ma non bisogna mai fidarsi delle dicerie. Quindi, qual'è il tè che fa più bene? Non che io sia particolarmente salutista, anzi, mi sto preparando per una rapida morte visto che fumo come una ciminiera. Però insomma, se la mia mania di tracannare tè compulsivamente dovesse servirmi a qualcosa voglio quantomeno rallegrarmene e illudermi che se accorcio da un lato e allungo dall'altro dovrei essere pari. E poi ho letto che i fumatori giapponesi raramente si beccano il cancro ai polmoni. Chi lo sa.

Pare che in realtà tutti i tipi di tè possiedano sostanze antiossidanti e benefiche per l'organismo. Bere tè fa bene sempre e comunque. Ma il processo di fermentazione fa sì che il tè perda parte delle sostanze benefiche, quindi il tè non fermentato (bianco e verde) è in assoluto il più salutare.

Recenti studi hanno dimostrato che il tè bianco sia addirittura migliore del tè verde. Il tè bianco è utile per:

  • prevenire il cancro
  • rallentare l'invecchiamento
  • rallentare la comparsa delle rughe 
  • prevenire le malattie cardiache 
  • prevenire e combattere l'obesità (si, il tè bianco aiuta a dimagrire)
  • abbassare il colesterolo
Insomma, il tè bianco ancora più del tè verde serve a vivere più a lungo. Infatti è il più costoso e il più raro tra tutti i tè. Bisogna considerare che gli antiossidanti presenti nel tè fanno un effetto degno di essere preso in considerazione solo nel momento in cui se ne assumono 4-6 tazze al giorno,  una media a cui noi occidentali decisamente non siamo abituati. Se non vi piace il tè ma volete comunque imbottirvi di antiossidanti, sappiate che esistono degli integratori a base di estratto di tè. Sono delle pillole verde acceso. 


tè bianco

20/03/12

Isabella Santacroce, Amorino

isabella santacroce amorino

Amorino è il nuovo libro di Isabella Santacroce. Amorino è espiazione della colpa. Detesto i deliri mistici dei quali si occupa Isabella da due libri a questa parte. Trovo che la blasfemia possa essere una piacevole cornice, ma la blasfemia senza contenuto cos'è? Una cornice senza quadro. Il signor nulla. Uno splendido esercizio di stile. Incrocio le dita sperando che questo libro sia migliore dei due precedenti.

isabella santacroce amorino

isabella santacroce amorino

isabella santacroce amorino

19/03/12

L'asta più eccitante della mia vita


asta online
Finalmente comprendo il motivo per cui le aste rincoglioniscono la gente. Quando leggevo i reportage di Sarah Thornton non riuscivo a crederci, insomma come fa tutta quella gente di una certa cultura a lasciarsi prendere dalla foga dell'asta e finire con l'acquistare quadri e opere d'arte ad un prezzo molto superiore rispetto all'effettivo valore? Eppure molti non sono certo i primi cretini di passaggio ma da Christie's sembrano trasformarsi in bambini.

Adesso ho capito tutto. Nel momento in cui contendi l'oggetto del desiderio e qualcuno sta per soffiartelo da sotto al naso il cuore inizia a battere forte, l'adrenalina cresce e tu, in preda a questa meravigliosa sensazione, ti dimentichi perfino per cosa stai lottando (generalmente una stronzata) e corri, come un leoncino che galoppa nella Savana appresso ad uno gnu. Scriverò un libro in merito, lo chiamerò "Piccole Freud scoprono i meccanismi della psiche umana celati dietro alle aste". Un pò troppo lungo il titolo, devo lavorarci. E comunque, ho appena vinto l'asta più eccitante della mia vita.

18/03/12

Tutorial: come creare gioielli di prestigio

ciondolo cuore viola ciondolo cuore blu

Il sito JewelryLessons.com contiene numerosi tutorial, molti dei quali gratuiti, che insegnano passo passo a realizzare pendenti, orecchini, bracciali, ciondoli, collane lavorando il filo d'argento e d'oro, oppure con le composizioni di perline. Il sito insegna diverse tecniche:

17/03/12

Si dice tè o the?

  • Si dice tè o the?  Il termine corretto secondo l'accademia della crusca è . La parola "the" è inappropriata ma parecchio utilizzata, infatti è stata aggiunta a molti dizionari. Scrivere the non è quindi un errore, ma il termine corretto in italiano è tè. Thè invece è sbagliato, così come tea che è inglese, e thea che proprio non esiste.
  • Che differenza c'è tra tè, tisana ed infuso?    La tisana è una soluzione d'acqua impregnata di altre sostanze che possono essere indistintamente foglie, fiori o radici. L'infuso è un tipo di tisana, per prepararlo si utilizzano parti tenere delle piante (foglie o fiori) lasciate in infusione nell'acqua bollente per 2-3 minuti. Un altro tipo di tisana è il decotto nel quale si utilizzano le parti dure e legnose delle piante, per esempio lo zenzero che è una radice. A differenza dell'infuso, nella preparazione del decotto si lasciano bollire gli ingredienti sul fuoco per una quindicina di minuti. Il tè è quell'infuso che contiene la pianta del tè (Camellia sinensis) spesso aromatizzata con spezie o frutta. Quindi il tè può essere definito sia un infuso che una tisana.

  • Qual'è la differenza tra i diversi tipi di tè?  La più importante differenza tra i tè è costituita dal grado di fermentazione, ottenuta da una particolare lavorazione che viene fatta alle foglie dopo la raccolta. Esistono i tè non fermentati (bianco e verde), quelli semifermentati (oolong) e i tè fermentati (nero). Il tè nero ha un sapore più forte e si avvicina maggiormente ai gusti occidentali. Meno fermentato è un tè, più avrà un sapore delicato ed un colore chiaro. Il tè bianco è particolarmente chiaro perché, oltre a non essere fermentato, le sue foglie vengono raccolte appena nate, quando ancora posseggono pochissima clorofilla. 
  • E a me cosa me ne frega?   Francamente non saprei. Nemmeno a me è mai importato un accidente di sapere perché il tè si chiama infuso ma anche tisana e perché non scrivo the invece di tè. Io tracanno e basta. Figurati. Era giusto per passare il tempo.

16/03/12

Federico Solmi: l'impero del male


federico solmi


Penso che ci sia molto da imparare da Federico Solmi, dal suo modo sfrontato di ritrarre il male. La strada che ha scelto è pericolosa perchè si rischia facilmente di cadere nel banale e nell'arroganza vuota di chi punta a scandalizzare. Ma nel suo caso la provocazione non è mai fine a sè stessa perchè è rivolta verso temi schiaccianti, la realtà che ritrae è troppo grande per essere negata.
Potete trovarlo nel suo sito ufficiale, www.federicosolmi.com




15/03/12

Hysteria, un problema comune

hysteria film
Il film Hysteria mi ha fatta morire dal ridere. Ma sono state risate amare, un pò come per il film Qualunquemente. Tra l'altro trovo inquietante che a vincere le primarie del PD a Palermo sia stato un sosia di Cecco La Qualunque, ma vabeh.

L'isteria dilaga, dilaga, dilaga, si nasconde in ogni angolo, in ogni nonnetta nevrotica che ti staccherebbe la testa pur di passare prima di te in posta, in ogni impiegata statale che ti sbraita contro solo perchè ti sei permessa di scomodare la sua quiete rivolgendole una richiesta inerente al suo lavoro, in ogni donna che improvvisa scene degne delle calende greche solo perchè le si è rotta un'unghia, in ogni professoressa che non si limita a rimandare chi non studia ma lo mortifica, gli strilla contro, se potesse lo fustigherebbe in pubblica piazza. Sadismo? Reumatismi? Rughe? No. Isteria.

Ogni fanciulla è una potenziale isterica.
Siamo rovinate. Tutte quante.
Più volte raccomando alla gente di sopprimermi nel momento in cui dovessero manifestarsi i sintomi. Meglio morire piuttosto che vivere a quel modo.

E potete ripetermi fino alla morte che il concetto di isteria è ormai superato. Non è vero, non è vero! Provate ad andare in una merceria affollata, covo di isteriche per eccellenza, guardatevi intorno per una mezzoretta, osservate bene, studiate i loro atteggiamenti, ascoltate le loro urla e mi darete ragione. Le donne frustrate sono mine vaganti pronte ad esploderti in faccia. Del resto è assolutamente comprensibile. Se mi metto nei panni di una donna di mezza età e penso a tutto ciò che le pesa sul groppone, le faccende, le preoccupazioni, lo stress, i figli, i mariti, il lavoro, la religione, la vecchiaia, le rughe, le veline... andiamo, chi non perderebbe il senno? Diventare isteriche è il minimo. Io al loro posto manderei tutto al diavolo e attraverserei la città sui rollerblade in calzamaglia con il mantello di Zorro, una scimmietta in braccio e le tette al vento giusto per capire cosa ci faccio su questo pianeta.

Non so se sarebbe più intelligente tentare di risolvere il problema alla radice e scardinare il dogma comune di ciò che dovrebbe essere una donna, oppure di rattoppare il disastro con soluzioni momentanee, come ad esempio implementare le sedute dal ginecologo con massaggi vaginali obbligatori, come nel film. Temo che si tratti appunto solo di un film e la frustrazione sessuale è solo la punta dell'iceberg delle miriadi di preoccupazioni che schiacciano la psiche di una donna. In ogni caso, tenetevi lontani dalle isteriche e se dovessi diventarlo uccidetemi.

14/03/12

Chagall e avanguardie russe a Palermo

Marc Chagall, Il cantico dei cantici
Marc Chagall, Il cantico dei cantici
Camminavo per strada pensando agli affari miei e mi sono ritrovata sul naso un manifesto enorme con il mietitore di Malevic che diceva: avanguardie russe, mostra a Palermo. Tra i vari nomi degli artisti c'era Chagall. Non potevo crederci, ero talmente felice che ho fotografato il manifesto, un pò per ricordarmi l'indirizzo, un pò come quando nei film si fotografano le persone per accertarsi che compaiano in foto e non siano creature sovrannaturali.

avanguardie russe
Avanguardie russe. Mostra a Palermo, Albergo delle povere, Corso calatafimi n. 217. Fino al 20 marzo 2012. 
Me lo ricordo bene, era una sfigata mattina di dicembre, non gli avresti dato una lira a quella mattina, era grigia ed inutile. Ho già visto una mostra tutta dedicata a Chagall ma a Torino e l'idea che Chagall, il mio Chagall, venga a casa mia, nella mia sfigatissima dimora che viene considerata dall'Italia e dal mondo solo per parlare di cibo, mafia e fancazzismo, mi commuove. Evoluzione! Lo sbarco di Chagall a Palermo è il primo passo per l'evoluzione della Terronia. Tutto cambierà.

13/03/12

Liquirizia e proprietà farlocche

Ho letto che la liquirizia ha molte proprietà benefiche: oltre a prevenire il tumore al seno e alla prostata, pare sia un rimedio naturale contro la tosse e i problemi respiratori. Credetemi: non è vero. Saranno due mesi che fagocito quantità industriali di roba alla liquirizia e la mia tosse da asino tubercolotico non è diminuita di una virgola.
caramelle alla liquirizia
Ho i miei periodi, tipo il periodo blu di Picasso, solo che i miei riguardano cibi o bevande che fagocito compulsivamente. Ho avuto il periodo Kit-kat, il periodo Powerade blu, il periodo Alpenliebe al caffè, il peggiore è stato il periodo anguria visto che mi è preso in pieno inverno e mi è toccato smaltirlo a suon di leccalecca all'anguria, gomme da masticare all'anguria, burrocacao all'anguria, creme per il corpo all'anguria e quant'altro. Attualmente sono in pieno periodo liquirizia.

La mania liquiriziosa mi è venuta per via delle Moramor che ho comprato a causa di un mal di gola atroce, a me le caramelle fanno schifo quasi tutte comprese le Golia ma avevo la gola di Grisù. Avevo scordato a casa lo spruzzino magico e, dovendo passare la serata in giro, mi son lanciata verso un Tabacchi e ho agguantato la confezione di caramelle che mi pareva meno disgustosa. Ho scelto le Moramor perchè hanno la confezione che ricorda un piccolo circo, inoltre mi divertiva l'idea di fagocitare caramelle nere e quindi zucchero nero, ohohoh. E' stato amore a prima vista. Rispetto alle Morositas sono più gustose, più gommose, meno dolciastre vomitevoli e, nota non trascurabile, più economiche. Liquirizia forever.
morositas
Care Morositas, siete state stracciate. In tutti i sensi. Oggi sono in vena di freddure.

01/03/12

Roberto Benigni nudo in giardino

Attenzione, articolo adatto ad un pubblico adulto. Se continui a leggere dichiari implicitamente di avere più di 18 anni.
Sono sconvolta. Ho letto una notizia allucinante che è stata censurata dai tg. Certo che il successo dà alla testa a chiunque. Roberto Benigni è stato sorpreso nel giardino di casa sua con la moglie, i due erano completamente nudi e recitavano l'episodio della Genesi durante il quale Eva raccoglie il frutto proibito e lo porge ad Adamo. La polizia, avvisata dai vicini scandalizzati, ha fatto irruzione nell'abitazione e li ha condotti in caserma. Roberto Benigni si giustifica: "Noi siamo artisti" ha detto "e all'arte tutto dev'essere concesso."  Seguono le foto rubate dai paparazzi durante l'arresto.

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger