Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

30/05/12

Carta straccia

marc chagall la solitudine

marc chagall la solitudine

Mi si accartoccia l'universo tra le mani. Io mi sforzo di sfogliarlo. Tentare di leggerne le sillabe. Mettermi nei suoi panni. Nei panni di un universo accartocciato e malridotto.

29/05/12

Cristal Reza: gelato al fenicottero

Cristal Reza, Twin Houses. Due pere
Cristal Reza, Twin Houses
Oggi vi presento Cristal Reza, una ragazza spagnola che si occupa di arte digitale. I suoi fotomontaggi sono molto carini e sicuramente originali. Come diavolo le sarà venuto in mente di fare un gelato al fenicottero?

28/05/12

Travestirsi da unicorno

parrucche da unicorno
Parrucche da unicorno
La mania dell'unicorno continua. Esistono anche i costumi da unicorno, i cappelli con tanto di orecchie e monocorno e le parrucche.

Finchè si tratta di bambini, uno dice vabeh, povere creature, loro non sanno. Ma quando vedi persone adulte con questi cappelli di dubbio gusto rimani un attimo basita e capisci che la moda può spingere le persone verso orizzonti difficilmente immaginabili.

27/05/12

Tom Chambers photography

Tom Chambers photography
Tom Chambers, Ashly with deer
Tom Chambers
Tom Chambers, rite of passage
Le opere di Tom Chambers sono una sorta di fiabesco diario emotivo. L'artista realizza dei fotomontaggi utilizzando foto scattate in diverse zone degli Stati Uniti, del Canada e del Messico. Le immagini vengono accostate in livelli contrastanti per creare un senso di pericolo, simboleggiando la caducità della vita. L'obiettivo di Tom Chambers è quello di formare una visione improbabile ma possibile, una visione surreale del mondo impregnata di spiritualità nella quale si nascondono elementi dell'arte sacra messicana.

26/05/12

Tutti al mare! Paga la Chiesa

chiesa santa maria
Un parroco di Napoli ha invitato tutti i fedeli ad andare al mare a spese della Chiesa. Che bella idea! Tutti al mareeee! Il suo generoso invito è stato rivolto, ovviamente, la domenica del referendum in cui bisognava votare per la fecondazione assistita. "Tutti possono parlare di tutto e noi dobbiamo limitarci all'ora pro nobis?" Si giustifica il prete, sostenendo che la sua era solo una provocazione. Beh, mi sembra giusto. In fondo anche il pdl invitava la gente ad andare al mare durante l'ultimo referendum, non vedo perchè un parroco non possa rivolgere lo stesso invito, tutti i politici hanno il diritto di avere le stesse opportunità e di instigare gli elettori al qualunquismo. Questo prete ha ragione. A sbagliare non è lui, ma chi si ostina a cercare la spiritualità in un'istituzione meramente politica.
chiesa santa maria


25/05/12

Pornografia, ecco com'era anticamente

pornografia

Se questa è pornografia io sono Naomi Campbell. Questo materiale pornografico è stato sequestrato ed è attualmente esposto nel museo criminologico di Roma. Ecco come si sollazzavano i nostri bisnonni. Che classe, ragazzi, che classe! La chiamavano pornografia, oggi si chiama nudo artistico. E' solo questione di nomi.

24/05/12

Non uccidete il libro!

faccia allarmata
La mia faccia allarmata
Quando hanno inventato l'e-reader ho sentenziato ridendo: figurati, non funzionerà mai. Ok, ha funzionato, ma non esageriamo! Ultimamente sento dei discorsi che mi fanno accapponare la pelle. "Il libro ormai è morto. Passate all'e-reader, così risparmieremo carta. Non è giusto, tutti quegli alberi, il disboscamento, e poi i libri costano."

Cari fighetti travestiti da ambientalisti, fate pure tutto ciò che ritenete opportuno, prendetevela con il mio pranzo, rifiutatevi di usare il bagnoschiuma perchè contiene paraffina, andate in giro con magliette di agnelli sgozzati, seminate immagini sanguinarie dappertutto, fatemi sentire in colpa, io capisco tutto, mi sta bene, sul serio. Ma non avete alcun diritto di prendervela con i libri. Lasciatevelo dire dal profondo del cuore: ci avete triturato la minchia.

Vorrei farvi riflettere su un paio di punti:


  • Con l'energia consumata, la plastica, i materiali utilizzati, le batterie per creare, far funzionare e smaltire un e-reader fai del male al pianeta decisamente più dell'uso di un pezzo di legno.
  • Con il legno col quale fai un tavolo puoi realizzare almeno un centinaio di libri. Un libro vale più di un tavolo. Prendetevela con i tavoli, razza di delinquenti. Prendetevela con gli inutili ammennicoli in legno con i quali adornate le vostre case da radical chic di sto cazzo.  
  • Il signor Ikea pianta due alberi per ogni albero estirpato che usa per i suoi cazzo di mobili. Evidentemente si può usare il legno senza fare del male a nessuno.
  • Esiste la carta riciclata.
  • Il libro costa 20 euro per motivi che non c'entrano nulla con la carta, motivi che probabilmente verranno applicati anche agli e-reader. E' solo questione di tempo, adesso devono far costare tutto poco perchè è dura separarsi dal libro. Stupidi.
  • Youtube ormai sembra una tv. Se con i vostri discorsi del cazzo io a cinquant'anni mi ritroverò a leggere un romanzo in un e-reader e ad essere interrotta dalla pubblicità della nuova automobile dei miei coglioni, penso che darò fuoco ad una foresta intera.
  • Il libro costa 20 euro e ormai è un bene di lusso. Ok, la mia libreria sarà l'unico mio lusso. Privatemi di questo lusso e vi priverò delle vostre vite.
Io non sono contraria all'e-reader, capisco che possa essere utile soprattutto per chi per studio compra ebook in inglese e deve fottersi gli occhi sul monitor. Capisco anche che qualcuno voglia averlo perchè fa figo tipo il tablet o l'ipod e non lo dico con cattiveria, ognuno ha il suo modo di approcciarsi agli oggetti. Però. Deve essere una cosa in più e non un sostituto. E se mi fate il discorso del disboscamento ve lo spacco in testa, l'e-reader.  

23/05/12

Spezzatino d'unicorno

carne di unicorno
Delizioso!
Morg: Il tuo servizio di piatti neri è bellissimo!
Hannibal: Eh, modestamente, li ho comprati all'Ikea. Oh, ma ci vuole il servizio buono per questa cena. (si guarda intorno) Ma dove li avrò messi i piatti buoni?
Morg: Piatti buoni?
Hannibal: Si, i piatti buoni, ma dove li avrò messi? (fruga ovunque) Li avrò dati a mia madre, ecco. Mannaggia a me. (sale su una sedia) Ma a mia madre non piacciono, mi pare che me li abbia ridati. (fruga su uno scaffale alto)
Morg: Ahahahah! Mi prendi in giro? Che piatti potranno mai essere più belli di quelli neri? Vorrai mica tirarmi fuori dei piatti con un pentacolo? Ahahaahaha! ^_^
Hannibal: Eccoli! (porge a Morgana un piatto con un pentacolo)
Morg: O.o......
unicorno

22/05/12

Manicomi criminali, metodi coercitivi


letto manicomio criminale
Modello esplicativo di un tipico letto usato nel manicomio criminale
I manicomi criminali sono conosciuti per i metodi coercitivi adoperati estremamente disumani che ricordano piuttosto il concetto di tortura. In queste strutture venivano rinchiusi i detenuti che presentavano turbe psichiche. Oggi i manicomi criminali non esistono più, o meglio, hanno cambiato nome: si chiamano ospedali psichiatrici giudiziari e, teoricamente, il loro scopo è curare il detenuto e non torturarlo. Ad ogni modo, è stato approvato un emendamento secondo il quale tutti gli ospedali psichiatrici giudiziari devono chiudere entro il 2013.

Seguono foto di alcuni strumenti (di tortura?) che furono adoperati nei manicomi criminali, esposti nel museo criminologico di Roma.

21/05/12

Gothic make up occhi, sei trucchi per non sembrare lo Zio Fester

gothic make up occhi: disegni sulle palpebre
Fino a qualche anno fa i miei amici rimanevano allibiti nel vedermi truccare: ci impiegavo un massimo di due minuti. Un chilo di ombretto nero, due belle righe di matita e una manciata di correttore sulle occhiaie. Fine. Ero la donna più veloce del west e i risultati, naturalmente, erano pessimi: sembravo lo zio Fester. Da quando è esplosa la moda degli emo e il loro orribile trucco da panda sono andata in crisi.

Per le ragazze che amano un make up gothic, il trucco degli occhi rischia di risultare monotono. Unire quintali di ombretto nero su matita nera e kajal nero ed eyeliner nero eccetera fa molto dark ma, oltre ad essere un tantino ripetitivo, affossa gli occhi, toglie luminosità allo sguardo e rischia di farti assomigliare ad un panda visto che spalmare sulle palpebre cosmetici in quantità industriale li fa sbavare nel giro di un paio d'ore.

20/05/12

Edward Munch, la violenza del desiderio

Edward Munch, Madonna
Edward Munch Le mani
Edward Munch, Le mani

Tutti associano Edward Munch all'urlo, in pochi conoscono l'opera "Le mani".  E' stata dipinta un anno prima di "Madonna", nel 1893, e in effetti è simile, la posa è quasi la stessa, ma in quest'opera la donna assume un ruolo diverso rispetto alla Madonna e passa in secondo piano, in quanto il vero protagonista di questo quadro è il desiderio maschile. La bellezza di una sorta di venere (il panneggio ricorda la venere di Milo) viene corrotta con violenza dallo sfondo incompleto in cui si affannano sagome di mani. L'espressione del viso è in netto contrasto con la posa, esprime una sorta di rassegnazione. Il dualismo eros e thanatos che tanto ossessiona Munch si frammenta tra figura e sfondo, la donna non è più seduttrice e carnefice, ma diventa carnefice e vittima. "Le mani" sembra un orribile intervallo tra la fanciulla di "Pubertà" e "Madonna".

Per me, "le mani" è tra i quadri più inquietanti di Munch. Forse i libri di storia dell'arte lo ignorano perchè in effetti non è tra i più rappresentativi del pensiero di Munch. Ma a me piace più di molti suoi altri quadri.

edward munch pubertà
Edward Munch, pubertà
Edward Munch, il bacio
Edward Munch, il bacio

19/05/12

La via del tè a Firenze

la via del tè firenze
Sono una donna felice.
La via del tè è un negozio in piazza Ghiberti, di fronte al mercato di Sant'Ambrogio, a Firenze. Non lo vedi facilmente in mezzo al caos, a meno che non hai un radar nella testa che si illumina in prossimità di una teiera. E' il mio caso. Questo negozio è un paradiso per teinomani. Ci sono tè provenienti da tutto il mondo, di tutti i tipi e per tutte le tasche, accessori per il tè, teiere giapponesi adatte per il tè verde, deliziosi infusori per i tè in foglia.
infusori
Infusori pucciosi!
Certe cose sono veramente inaccessibili, tipo le teiere giapponesi da 150 euro. Ma altre no. Ad esempio gli infusori della foto sopra costano cinque euro. Certo, in confronto alla super teiera sono proprio tristi, ma meglio di niente.
teiera giapponese
Non ho mai visto così tanto tè messo insieme, di così tanti tipi diversi. Le scatoline di latta quì sotto contengono miscele di tè proveniente da diverse parti del mondo, io le ho annusate tutte e, dopo una difficile indecisione, ho comprato quella fucsia che contiene tè indiano speziato buonissimissimo. Sà di.. Natale? Non saprei spiegare. E queste scatole costano 10 euro. I 10 euro spesi meglio della mia vita T.T
la via del tè firenze
E guardate che packaging fenomenale hanno questi, sembrano bagnoschiuma. Mio dio. Voglio traslocare in quel negozio.
la via del tè firenze
Ora, nonostante il tè bianco in foglia che volevo io costasse un occhio della testa, non potevo accettare di aver messo piede in questo splendido posto senza essermene appropriata. Per cui ho fatto un compromesso con il mio senso di colpa: ne ho presi solo 25 grammi per la bellezza di 8 euro e ho deciso di offrire il poco prezioso fogliame soltanto ai palati meritevoli di cotanta bontà, ovvero Barà, Vinz, Moogli quando lo beccherò lucido che sennò non se lo gusta e il mio fidanzato, neogustatore di tè adeguatamente istruito dalla sottoscritta. Sentirmi dire che sà di camomilla mi ha fatto cadere le palle a terra. Quel che è peggio è che io sento sapore di cicoria. Santi numi.
La signorina pesa gentilmente i grammi del prezioso fogliame
la via del tè firenze
Il prezioso fogliame disposto ordinato come lingotti d'oro
Insomma, se passate dalle parti di Firenze lasciate perdere gli uffizi e andate quì.

17/05/12

Fotografare le donne

Gli scatti di Tatiana Mikhina ritraggono una sorta di femminilità incantata che non saprei spiegare bene a parole. Mai nudo fu più elegante, mai un gioco di donne fu più luminoso. Sono felice di averla scoperta, mi piace tanto ciò che le sue foto raccontano. L'invenzione della fotografia è una benedizione: ognuno ti mostra alcuni punti di vista della realtà a cui magari non avevi fatto caso, non sempre ti interessano ma quando succede è un sogno e cominci a vedere ciò che ti circonda, i gesti delle persone, i colori delle cose con un altro tipo di occhio. Una bambina ti guarda e vedi Jock Sturges, un lampione  luccica solitario e vedi Rune Guneriussen. La realtà ti regala tanti piccoli tesori a cui mai avresti fatto caso. Non vedo l'ora di immaginare la poesia di Tatiana Mikhina nelle passanti, nelle mie amiche, un pò dappertutto.

Tatiana Mikhina
Tatiana Mikhina

14/05/12

Impoverimento del linguaggio visivo

Un mio amico pensa che la diffusione dei meme (si chiamano così quelle facce fatte con paint che girano su facebook?) sia finanziata dallo stato allo scopo di renderci sempre più stupidi. Secondo me, invece, le cose stanno diversamente: il successo dei meme è del tutto spontaneo, i meme funzionano perchè SIAMO più stupidi.

Caro George Orwell, la realtà ha superato la tua fantasia.

13/05/12

Mangiare le patatine solo per la sorpresa

patatine jewelpets

jewelpets


Ho comprato queste patatine solo per la sorpresa che avrebbe dovuto essere un coniglio e invece era uno sfigatissimo cane. Bah. Sono sempre piuttosto informata in merito ai nuovi giocattoli per le bambine, i Jewelpets sono veramente brutti, troppo luccicosi, non trovate? L'idea di portarsi appresso una bestiola giocattolo come fosse un gioiello è carina ma accidenti, fateli meno brutti, quel coniglio con le orecchie affilate sembra un gremlin. Vabeh.

Il mio interesse nei confronti dei giocattoli supera di gran lunga la curiosità che voi esseri umani nutrite nei confronti di telefonini, smartphone, iphone e automobili. Tutto questo mi farebbe sentire mentalmente minorata e immatura, ma la mia coinquilina si compra i saccottini della Mulino Bianco solo per le carte del magico bosco degli abeti, quindi il mio QI rientra nella norma.
carte mulino bianco
La mia coinquilina ci prende sottilmente per il culo

12/05/12

Bittersweet life

Una mattina d'autunno un discepolo si svegliò piangendo. Il maestro gli domandò: hai avuto un incubo? No, rispose il discepolo. Hai fatto un sogno spiacevole? No, rispose il discepolo, ho fatto un sogno bellissimo. E allora, perchè piangi? Domandò il maestro. Perchè ciò che ho sognato, rispose il discepolo, non potrà mai avverarsi.
Tratto da Bittersweet life, diretto da Kim Ji-Woon

bittersweet life kim ji-woon
bittersweet life kim ji-woon
bittersweet life kim ji-woon
Bittersweet life è un bel film nonostante le numerose sparatorie che personalmente trovo un pò soporifere. Sono rimasta rapita dal viso del protagonista. Mi piacerebbe vedere altri film di Kim Ji-Woon, peccato che procacciare bei film coreani senza lo streaming diventa sempre più difficile. Mentre mi spalmavo il fucsia in testa mi è arrivato l'sms di Vinz che mi avvertiva di questo film in onda su Rai 4, ho risposto avvilita che io non ho mica Rai 4, poi mi sono ricordata che è possibile vederlo in streaming. Che sia benedetto internet.

11/05/12

Comprare cibo solo per la confezione #2

latte al cioccolato
Tette di mucca

latte al cioccolato alex
Le gomme spezzamascella sono state solo l'inizio di una lunga serie di cibi dal packaging puccioso. Per esempio questo latte al cioccolato di nome Alex, (?!) dovevo prenderlo per forza perchè nel buco della cannuccia c'erano disegnate le tette di una mucca e diceva: mungere quì. Che idea adorabile!

Dopo essermi spaccata i denti con le suddette gomme da masticare al sapor di roccia, non ho avuto il coraggio di continuare la mia avventura culinaria e questo latte al cioccolato è rimasto a fissarmi dal frigo per settimane accanto allo storico patè di olive che avevano regalato ad Ozzy l'anno scorso.

Mi son decisa a mungere la mucca un giorno che ero di fretta e non avevo il tempo di riempirmi la bottiglietta d'acqua, ho ficcato il latte Alex in borsa con un certo timore e sono uscita. Ho scoperto che era buono. Sà di latte col Nesquick. Quando Ozzy si deciderà ad aprire il suo prezioso patè d'olive, vi farò sapere che tipo di organismi sono cresciuti al suo interno.

10/05/12

Disordine

"L'ordine in casa mia c'è, ma nessuno lo vede. Notano tutti un avvincente disordine, ma non osano dirlo perchè si sentono anche male.

Con il mio disordine del resto ho guarito molte nevrosi. La persona che resiste per almeno due ore in casa mia è già sulla via della guarigione. Se ne vanno tutti sconvolti ma felici, riscoprono finalmente le strade pulite, i bar leccati, i ristoranti freschi e i convenevoli delle cenette a due.

In casa mia non ci si può mai baciare, tra l'innamorato e me c'è sempre a dividerci una grossa colomba di Pasqua o un dessert rovesciato sul tavolo.

Mia figlia dice che sono disordinata perchè ho paura d'amare. Credo abbia ragione."

Alda Merini, Disordine

09/05/12

Specchio che riflette all'infinito


I camerini secondo me sono luoghi incantevoli davvero sprecati per essere usati in un modo così banale. Sembra di essere in un labirinto di spazi fittizi. Come si fa ad ignorare una così affascinante illusione ottica? In questa foto ci sono sei morgane e la morgana vera in realtà non si vede. Grandioso. Nella mia prossima vita voglio un camerino tutto per me.

Mi è sempre piaciuto mettere uno specchio davanti all'altro per via della percezione artificiale di uno spazio che in realtà non c'è. Per il feng shui è una bestemmia, un errore mostruoso. Io un pò ci credo al feng shui, se ripercorro la mia vita ogni cambiamento importante di energie avviene in parallelo alla modifica degli spazi. Magari il fatto che io continui a comportarmi come un cane che si morde la coda è dovuto proprio agli specchi disposti in modo erroneo, chi lo sa. E non datemi della credulona, mi piace sognare, lasciatemi sognare e non rompete i coglioni. Quando parlo di specchi mi viene la logorrea, meglio chiudere il becco.

08/05/12

Dieci fatti

specchietto
Dieci fatti (non foste a viver come bruti):

  • Mangio troppo burro di arachidi in questo periodo.
  • Il numero dei suicidi in Italia aumenta in maniera esponenziale. (fonte) 
  • Come se non bastasse ho fatto fuori un quintale di tiramisù alle fragole.
  • Chi ha perso il lavoro risulta come categoria ad elevato rischio di suicidio, mentre è meno frequente il suicidio da parte di coloro che cercano la prima occupazione.
  • Mi sento una vecchia ciabatta scolorita.
  • Il primo maggio la proprietaria di un negozio di parrucche sotto casa mia è stata uccisa a suon di coltellate.
  • Non ho più voglia di scrivere nel blog ma ho voglia di perpetuare il mio pensiero oltre la mia esistenza fisica. Le due cose fanno a pugni.
  • Dopo le elezioni finalmente finirà questa disgustosa sfilata di facce e nomi.
  • Qualcuno una volta mi ha detto che la politica è l'unico modo che hanno gli uomini brutti senza alcun talento per circondarsi di donne. Un pelo di figa tira più di un carro di buoi.
  • Ho comprato un pacco di patatine solo per la sorpresa, che doveva essere un portachiavi a forma di coniglio. Ci ho trovato dentro un cane.
alberi
cruscotto
Tracce di una morgana influenzata

07/05/12

Come disabilitare il diario di facebook

Facebook ci ha infinocchiati un pò tutti col pretesto del "prova il nuovo diario". Come la maggior parte dei cambiamenti che avvengono nei siti, l'unica rilevante novità apportata dalla nuova versione del social network più invadente della storia del web è un'interessante sensazione di fastidio. Come si fa a togliere il diario di facebook e ripristinare la versione precedente della bacheca? A me non importa un accidente, per quanto mi riguarda facebook può tranquillamente morire per autocombustione visto l'uso intermittente (e insofferente) che ne faccio, potrebbero anche nascondere le funzioni della bacheca con dei labirinti da risolvere e la mia irritazione rimarrebbe invariata, ma ho pensato che a qualcuno potrebbe essere utile.

Quindi vi segnalo questo sito  che contiene un plugin da installare sul proprio browser, permette di disabilitare tutti i nuovi profili di facebook (anche per le pagine) e visualizzare le versioni precedenti.

facebook
Dedico al diario di Facebook una foto ricordo del mio raffreddore. Con amore.

facebook
Fbclient è un'applicazione che permette di usare Facebook dal desktop. Clicca qui

Nuovi film di Tim Burton: Frankenweenie e Dark Shadows

Succulente novità da Tim Burton: dopo averci delusi con Alice in Wonderland che di burtoniano non aveva un cazzo a parte un paio di ghirigori nella vegetazione, tenta di rifarsi sfornando ben due film, uno dopo l'altro. Questa iperattività mi sembra davvero strana. Vorrà dimostrare ai suoi seguaci che, nonostante abbia ridotto i capolavori di Lewis Carroll in una miserabile favoletta in 3d, non ha davvero perso l'incantevole genialità che lo contraddistingueva. Oppure data la vecchiaia incombente vuole fare scorta di quattrini facendo film a casaccio per poi fanculizzare tutti e passare i suoi ultimi giorni in un'elegantissima villa in stile This must be the place. Staremo a vedere. Attento, Tim, ti tengo d'occhio.

Ad ogni modo, i nuovi film di Tim Burton sono:

  • Dark Shadows, in uscita l'11 maggio 2012
  • Frankenweenie, in uscita ad ottobre. 

In Dark Shadows l'immancabile Johnny Deep si cimenta nel ruolo di vampiro risvegliatosi negli anni '70. La pettinatura in stile "aiuto, mi ha appena leccato una mucca" non promette bene, ma il film sembra divertente. In ogni caso prima di cantar vittoria aspetterò di vederlo, dopo l'inculata di Alice zero aspettative, caro il mio Tim.
Ecco il trailer in italiano di Dark Shadows:




Frankenweenie invece è l'adattamento in stop motion di un cortometraggio omonimo diretto dallo stesso Tim Burton nel 1984. Pare che l'abbiano caricato su youtube quì, guardatevelo prima che lo censurino per via del copyright. Il protagonista è interpretato da Barret Oliver, il bambino del film "La storia infinita" :)

Frankenweenie parla di Sparky, un cane che viene investito da una macchina. Il suo padroncino non riesce ad accettare la sua morte e così, vista la sua passione per la scienza, decide di provare a riportarlo in vita. Ci riesce. Tutto il film parla delle disavventure di questo cane zombie. Un Frankenstein cane, insomma. Ecco il trailer di Frankenweenie in italiano:


Non posso fare a meno di avere grandi aspettative per questo film, Tim Burton se l'è sempre cavata benissimo con gli stop motion, anche se questa collaborazione con la Walt Disney mi inquieta parecchio. La scelta del bianco e nero la trovo noiosa e poco espressiva. Noto diverse somiglianze col suo cortometraggio Vincent:



Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger