Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

31/07/12

Questa non è cioccolata calda

tazza-di-cioccolata-calda-con-marshmallows-cupcakes
cioccolata calda bollente tazza cupcakes
Cupcakes a forma di tazza preparati da questa blogger.

Maschera da unicorno e altri oggetti inutili

maschera da unicorno
Dopo le biciclette a forma d'unicorno e le parrucche da unicorno, nonchè la cacca d'unicorno, cos'altro potranno mai inventare per idolatrare questa inesistente bestiola?

La maschera da unicorno, naturalmente. Acquistabile quì, dove vendono anche un utilissimo corno da unicorno gonfiabile, da sgonfiare all'occorrenza per poi conservarlo comodamente in borsetta.

Il mondo intero si è fissato con gli unicorni. Perchè? E poi, che diavolo sta facendo quest'uomo? E questo?!

Bah. Trovo molto più carina la bacchetta magica ammazzafate, potrebbe servire anche per le zanzare volendo.
bacchetta magica ammazza fate
Bacchetta magica ammazzafate acquistabile quì

Per non parlare delle caramelle all'aglio vampiro-repellenti e non solo. Qualcuno si ostina a raccontarvi tutta la sua biografia ogni volta che lo vedete? Quando sbadigliate chiedendo clemenza si sofferma sadicamente nei dettagli più noiosi? Con queste caramelle potete esser certi che i vostri sbadigli non verranno più ignorati.
Caramelle all'aglio acquistabili quì.
Devo ammettere che questo aggeggio per fare le bolle giganti mi tenta molto. Mi sono sempre chiesta come fare bolle di sapone enormi ma sembrava un capriccio troppo complicato da soddisfare, questo sparabolle invece sembra pratico e non molto costoso. Mh.
come fare bolle di sapone giganti
Spada per fare le bolle di sapone giganti acquistabile quì.


maschera da unicorno
Potrebbe piovere.

28/07/12

Jeff Bark, ritratti di zucchero putrido

jeff bark photography rainbow woodpecker
Jeff Bark photography
Jeff Bark è l'esatto opposto di un fotoreporter. Studia la composizione delle sue foto come fossero tele da dipingere ad olio. Ogni foto è frutto di un lungo lavoro, a volte anche un mese.

Jeff Bark è un eccesso di armonia dei toni e delle forme che contiene realtà malate.
Jeff Bark mi piace.




21/07/12

Periodo nero

periodo nero
In questa foto sembra che m'è morto il gatto, pardon
Sono nel mio periodo nero, nel senso cromatico del termine. Ho tinto i capelli di nero, un colore normale per autoconvincermi di essere normale.

20/07/12

Cinque storie

Youtube. Tentativi di suicidio, molestie sessuali, depressione, disturbi alimentari e bullismo sono all'ordine del giorno, ma mai quanto il ricordo del suicidio dei propri cari. Tantissime persone, soprattutto giovani ragazze, raccontano le loro storie su youtube. E' sconvolgente quanto il mondo stia cambiando. Ognuno di noi cova nel cuore delle esperienze orribili, è chiaro, i problemi ce li abbiamo tutti, sono sempre esistiti e sempre esisteranno. Il cambiamento, secondo me positivo, sta nella semplicità della condivisione. Non in Italia, quì le cose arrivano sempre dopo e immagino che se qualcuno in un video osasse parlare dei propri drammi verrebbe linciato. Altrove, parlare degli affari tuoi sul web è qualcosa di naturale, lo fanno tutti, anzi, vieni visto con sospetto nel momento in cui decidi di non farlo. Prima se decidevi di non soffrire in silenzio e parlare di ciò che ti faceva soffrire, immediatamente venivi additato come vittimista, come qualcuno che spettacolarizza dei problemi e addirittura se li inventa allo scopo di crearsi un personaggio. Come se la sofferenza fosse qualcosa di figo, di interessante, di originale, da invidiare. Ah si, invidio parecchio lo stupro subito da Michelle, e poi Kaelynn che ha perso il suo migliore amico a causa del bullismo, per non parlare di Cassie la cui madre si è tolta la vita a causa della depressione. Scusatemi, cosa c'è di spettacolare? Di originale? Nulla è più banale del male, ficcatevelo in testa. La gente ha della segatura al posto del cervello.

La storia di Kaelynn



    19/07/12

    Plastinazione dei polmoni di un fumatore


    Che danni provoca il fumo ai polmoni?
    Polmoni di un fumatore plastinazione
    Plastinazione dei polmoni di un fumatore
    Polmoni sani di un non fumatore plastinazione
    Plastinazione dei polmoni di un non fumatore
    L'anatomia dei polmoni dei fumatori è oggi visibile a tutti grazie al metodo della plastinazione di Guther von Hagens. In molti hanno dichiarato di aver smesso di fumare dopo aver visto la mostra


    donna incinta feto plastinazione Gunther von Hagens anatomia corpo muscoli scheletro
    Plastinazione di una donna incinta con feto

    I polmoni dei fumatori sono solo una delle tante opere di Guther von Hagens e della sua "Body Worlds", l'unica mostra sull'anatomia del corpo umano che in Italia è stata esposta a Roma, poi a Napoli. "Voglio indurre i visitatori" afferma Guther von Hagens "a condurre una vita salutare e spezzare un tabù: la conoscenza medica dev’essere di tutti; mi batto per democratizzare l’anatomia." Veri e propri cadaveri che, tramite lo speciale trattamento della plastinazione, sfuggono alla decomposizione, diventando dei preziosi strumenti di studio anatomico e, contemporaneamente, delle conturbanti opere d'arte.

    "Molti direbbero che non c'è bellezza nella morte: la putrefazione terrorizza. Ma la plastinazione è un salone di bellezza postmorte: tessuti adiposi e pelle raggrinzita vengono rimossi e la bellezza della morte diventa visibile."
    plastinazione Gunther von Hagens anatomia corpo muscoli scheletro coito amplesso sesso
    Plastinazione di due corpi durante il coito 
    Da dove provengono i cadaveri degli organi plastinati? Da donatori consenzienti, naturalmente. Lo stesso Guther von Hagens, l'anatomopatologo tedesco che ha inventato la plastinazione e che ha curato le "opere d'arte umane", afferma di voler essere plastinato "con il cappello in testa, mentre allargo le braccia, e tagliato a fette, in modo che una mia sagoma sia all’ingresso di ogni mostra: sarà il mio modo di salutare i visitatori." 


    donna yoga plastinazione Gunther von Hagens anatomia corpo muscoli scheletro
    Plastinazione di un corpo femminile durante lo yoga

    18/07/12

    Take me somewhere nice


    "Ogni aereo, ogni macchina fotografica, è un desiderio che non è stato concesso."
    Mogwai, Take me somewhere nice


    10/07/12

    Il nettare degli dei

    nettare degli dei

    Ho risolto il dilemma di quei momenti in cui infili la testa nel frigo in cerca di ispirazione e non la trovi mai. Stronzate, non si trattava di ambrosia. Il vero nettare degli dei è il tè bianco ghiacciato. L'unico sbattimento è aspettare che si freddi e ficcarlo in frigo in tempo. A tal proposito pensavo di procurarmi un imbuto per farne in quantità industriali e contribuire al riscaldamento globale con un bel pentolone di tè bollente e 40 gradi all'ombra.   

    Dovreste essermi grati. Optando per il tè bianco ghiacciato vi eviterò anche lo stress di rifiutare costantemente i miei tentativi di offrire tè bollente in pieno agosto. L'espressione allarmata della gente nel momento in cui esordisco con un "vuoi una bella tazza di teee?" è un must della mia estate, anzi, la associo proprio al caldo. Con la parola estate la gente pensa al mare, io penso all'espressione allarmata della gente.

    Quella foto è dell'anno scorso e non c'entra nulla, ma faceva molto "testa tirata fuori dal frigo piena di ispirazione". Tra l'altro non ho nemmeno più i capelli blu, ultimamente sono back in black e mi son pure tagliata i capelli. In questo periodo non ho per niente voglia di farmi foto, i miei tratti somatici mi irritano. Mi auguro che mi venga voglia di foto prima che mi salti qualche nuovo grillo per la testa e decida di cambiare colore di capelli di nuovo, giusto per avere un ricordo, sono tanti anni che non ho più i capelli neri.

    01/07/12

    Calpestare le formiche

    formica
    E se tu fossi una formica?
    Da piccoli calpestavate le formiche? Certe volte capita di parlarne e pare che tutti, davvero tutti, da bambini, si divertissero a torturare formiche, insetti e piccoli animali. Gli unici che non lo facevano o addirittura si preoccupavano di non intralciare il cammino delle file di laboriose formiche sono pochi pirla con evidenti problemi esistenziali, tipo me.

    Una mia amica molto equilibrata, garbata, elegante, leale, fantastica, ha confessato ridendo che da piccina infilava petardi nel culo dei gattini. Un'altra mia amica adorabilmente fuori di testa invece da piccola voleva bene ai piccoli insetti e adesso che è grande vuole bene anche ai piccioni, ci parla, gli dà da mangiare. Bisogna essere poco umani e problematici per non nascere con la voglia di sodomizzare bestiole?


    formica
    Vorrei che tu fossi una formica.
    La mente umana e i suoi istinti crudeli è per me motivo di eterno stupore. Ultimamente ho letto un libro molto illuminante che parla della psicologia del male e spiega, documentando con esperimenti scientifici, che tutti siamo dei potenziali torturatori, tutto dipende dal contesto. Lì per lì mi sono agitata, poi mi sono resa conto che negli esperimenti c'era un bassissimo margine di non efficacia, nel quale nei contesti peggiori le persone si rifiutavano a prescindere di torturare. Secondo me l'autore da bambino calpestava le formiche.


    Con questo non voglio dire che i non-calpestatori di formiche siano santi. Per esempio, ho provato un sadico piacere nel leggere la notizia del bambino che è morto ustionato mentre incendiava un formicaio. E questo non è da santi, suppongo. Non è da santi essere attanagliati dall'atroce dubbio che forse non abbiamo il diritto di stabilire che la vita di mille formiche valga meno di una vita umana, che forse vale di più la vita di un toro rispetto a quella del torero, che in fondo anche noi siamo animali ed è pretenzioso crederci più importanti di loro. 

    Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger